Feed Rss   Facebook   Twitter   Yahoo Buzz       Youtube       Email  
 
 
Biografia | Commenti | Rassegna stampa | Pubblicazioni | Galleria fotografica | Scrivimi | Mina | Post-It | Attività Parlamentari |
 
     
 
pubblicato il 27/01/2015
Quasi sempre i candidati dei partiti di maggioranza sono stati sconfitti dai 'ribelli' e dalle correnti interne. La scelta del Presidente della Repubblica si è quasi sempre rivelata complessa e travagliata. -Il liberale Enrico De Nicola fu il Presidente provvisorio della Repubblica, eletto dall'assemblea costituente il 28 giugno 1946 al primo scrutinio. Ottenne 396 voti su 501, da parte di Dc, Pci, Psiup, Pri e Pli. I candidati avrebbero dovuto essere Vittorio Emanuele Orlando (voluto da Dc e dalle destre) e Benedetto Croce (sostenuto dalla...
prosegui la lettura


Fassina e il 'fantasma dei 101! Obiettivo: affondare Renzi. Ma stavolta non ci sarà un altro Giorgio Napolitano a salvare la faccia, e non solo quella, ad una classe politica sempre più debole e lacerata.
pubblicato il 18/01/2015
Nel 2013 l'elezione del nuovo Capo dello Stato, di fatto 'saltò'! Nel senso che fu Giorgio Napolitano, con quella storica decisione di accettare un nuovo mandato (sebbene a tempo), a salvare il Parlamento che era letteralmente imploso. Allora era bastato mettere in circolazione alcuni nomi che subito scoppiò una bomba, poi un'altra e dopo un'altra ancora. Cadde così la testa di Bersani (che non meritava di essere volgarmente tradito dai famigerati 101) e prima ancora quelle di due storiche figure del centrosinistra: Franco Marini e lo stesso...
prosegui la lettura


Finite le elezioni in città è calato il sipario
pubblicato il 14/01/2015
Non c'é più dibattito nel partiti, finite le elezioni è calato il sipario.Sarà perché il dato elettorale trasforma il chiasso nel silenzio dell'attesa, sarà perché la quota di non partecipanti al voto consiglia "prudenza”, sarà perché Oliverio sin dal primo giorno in cui ha messo piede a Palazzo Campanella ha lanciato segnali precisi mettendo in un cantuccio i partiti e facendo intendere la filosofia che governerà la sua stagione punta su altro, sta di fatto che l'agitazione è finita.Sia nel centrodestra che nel centrosinistra sono stati...
prosegui la lettura


pubblicato il 09/01/2015
Oltre 100 imprenditori agricoli calabresi, le associazioni di categoria e del mondo produttivo e delle cooperative, si sono dati appuntamento oggi a Strongoli, nel cuore della Magna Grecia, per incontrare l'Istituto pubblico economico per i servizi nel settore agroalimentare. Presente il presidente di ISMEA, Ezio Castiglione, il vicepresidente Gabriele Beni, il consigliere del CDA Franco Laratta, il capogruppo Pd in Commissione Agricoltura della Camera, on. Nicodemo Oliverio, il presidente di Coldiretti Calabria, Pietro Molinari.Si è discusso...
prosegui la lettura


pubblicato il 06/01/2015
Convegno a Strongoli, venerdì 9 gennaio ore 10-13. Importanti risorse finanziarie per fare impresa in agricoltura. Favoriti i giovani. Il convegno si terrà presso l'azienda agricola Ceraudo di Contrada Dattilo, a Strongoli (Crotone). Interventi di: Ezio Castiglione, presidente Ismea; Gabriele Beni, Vice presidente Ismea; Gianni Fava, componente del Cda Ismea e assessore regionale all'Agricoltura della Lombardia; Franco Laratta, componente del Cda Ismea; Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria; Nicodemo Oliverio, capogruppo della...
prosegui la lettura


pubblicato il 03/01/2015
Tanti i segnali che ci inducono a pensare che il futuro passa attraverso l' Agricoltura.Nel 2013 le iscrizioni ai dipartimenti di agraria in tutta Italia sono aumentate del 40% circa.Inoltre il valore aggiunto dell’agricoltura italiana è cresciuto del 4,7%, mentre il Pil italiano cadeva di quasi due punti percentuali. Nello stesso periodo, anche l’export agricolo italiano è cresciuto del 5%. A differenza di quel che è accaduto in altri settori, questa crescita ha avuto effetti benefici anche sull’occupazione. Nel secondo trimestre del 2014 -...
prosegui la lettura


pubblicato il 31/12/2014
Divenuto sempre più centrale nel sistema politico-istituzione del Paese, il Quirinale con Scalfaro, Ciampi e soprattutto con Napolitano è divenuto il punto di riferimento della vita politica nazionale. Un vero e proprio interlocutore privilegiato nei rapporti con l'Europa e gli Stati Uniti. Da grigio notaio nella Prima Repubblica (ad eccezione dei settennati di 'rottura' di Pertini e Cossiga), il Presidente della Repubblica è divenuto attore protagonista, punto di forza e di equilibrio in un momento di gravi tensioni per la democrazia...
prosegui la lettura


pubblicato il 01/12/2014
Non potendolo riconfermare per la terza volta (dopo averlo fatto per disperazione la seconda, lui stesso contrario!), il presidente della Repubblica Napolitano esce di scena dopo anni difficilissimi e complicatissimi che egli ha gestito con grandissima autorevolezza.Ora il successore. Che non può essere uno dei soliti (la nuova carica dei 101 si sta già scaldando!) e non abbiamo più 'grandi vecchi' e 'padri della Patria' disposizione. Quelli che hanno già dato, lasciamoli lì, proviamo invece a mandare un segnale al Paese, ai cittadini che non...
prosegui la lettura


pubblicato il 10/11/2014
La catastrofica condizione economica e sociale della Calabria, costringerà il prossimo governo regionale ad assumere le vesti e le sembianze di un vero e proprio esecutivo di emergenza! Non nel senso di "tutti insieme appassionatamente", magari in una giunta-macedonia, bensì nel senso di una gestione straordinaria e di vera emergenza.Un'emergenza fatta di provvedimenti straordinari e coraggiosissimi, per fermare la caduta nel baratro della nostra Calabria!Tutti gli indicatori lasciavano chiaramente capire, già 10 anni fa, che senza opportune e...
prosegui la lettura


pubblicato il 06/11/2014
«Giornata indimenticabile» o «giornata da dimenticare»? Poteva scrivere così la Cgil nel suo contestatissimo documento! Giornata da dimenticare. Senza altri termini che ricordano momenti drammatici per il Paese. E sarebbe stato meglio per tutti.Ma in sostanza c'è forse solo un'esagerazione nei termini, che si poteva evitare tranquillamente. Anche perché gettare benzina sull'incendio può provocare una catastrofe. E non conviene a nessuno in questo momento. Nemmeno alla Cgil.Però credo che alla fine non accadrà nulla. Il sindacato fa bene a...
prosegui la lettura



pubblicato il 05/02/2013

Lo stato della sanità in Calabria. Un viaggio di quasi due anni nelle strutture ospedaliere calabresi. Per toccare con mano le condizioni in cui versa la sanità calabrese. Lo hanno fatto insieme Franco Laratta,...
prosegui la lettura


pubblicato il 15/11/2012

Lo stato della sanità in Calabria. Un viaggio di quasi due anni nelle strutture ospedaliere calabresi. Per toccare con mano le condizioni in cui versa la sanità calabrese. Lo hanno fatto insieme Franco Laratta,...
prosegui la lettura


pubblicato il 15/11/2012

Il Palazzo che brucia visto dall’interno, con gli occhi attenti di un protagonista. Ironico e pungente, il libro racconta le vicende politiche degli ultimi anni, tra scandali e corruzione, la fine del berlusconismo, la...
prosegui la lettura


I miei redditi e la mia situazione patrimoniale

Dichiarazione anno 2012

Come tutti gli anni- anche quando non era richiesto né obbligatorio- anche quest'anno pubblico la mia dichiarazione dei redditi, modello 730.
Per quanto riguarda la situazione patrimoniale, nulla è cambiato rispetto agli ultimi 5 anni, non avendo di proprietà alcun bene se non l'abitazione di famiglia, e le auto dichiarate (Una Mito, una Panda, una piccola Duè ). Nessuna proprietà di mobili o immobili in altre città. Nessuna rendita finanziaria.

scarica il mio 730

 
pubblicato il 04/11/2014
Pubblicato il 22 settembre 2009
….Franco Laratta, giornalista, è deputato della Repubblica. Non manca mai alle sedute: tra il 94 e il 98 per cento il rating delle sue performances. E alla Camera non è mai stato con le mani in mano. Scorriamo la... prosegui la lettura

pubblicato il 23/05/2014

Vediamo cosa propone Grillo per le europee del 25 maggio. 1) Il Referendum per la permanenza dell' Italia nell'euro. "Per dovere di cronaca va detto che ad oggi i Trattati Ue non prevedono la possibilità di uscita... prosegui la lettura

pubblicato il 03/07/2013

Ci siamo occupati più volte, nella scorsa legislatura di quanto accadeva all'imprenditore De Masi. Decine sono state le denunce pubbliche, le interrogazioni e le interpellanze. Ma su De Masi e sulle sue drammatiche... prosegui la lettura

Scarica il libro: Cronache di fine impero

Pensieri in libertà

Miseria e Nobiltà della politica, della società

 
 
copyright, Franco Laratta 2010